HOME
Chi siamo
Storia della ferrovia
Contatti
Statuto
News
Galleria
Attività
Diventare socio
                                               
Ferrovie, Sicilia: via libera al raddoppio della Giampileri-Fiumefreddo

normal_E656-024_28Taormina-Giardini_Naxos29_28229-001-fill-650x453.JPG_da39a3ee5e6b4b0d3255bfef95601890afd80709
                                                                                                                                                       
Arriva il via libera da parte del ministero di Beni Culturali per la tratta Fiumefreddo-Giampilieri, parte del raddoppio della linea che unisce Catania a Messina.
Alla luce di questo segnale verde è possibile chiudere la conferenza dei servizi e pubblicare il bando di gara per l’assegnazione dei lavori, la cui partenza potrebbe avvenire a questo punto dalla primavera 2021.
Con il completamento sarà possibile elevare la velocità da 160 a 200 km/h, con una riduzione dei temi di percorrenza di 30 minuti oltre a un aumento dei treni, che passeranno da 80 a 200 nell’arco della giornata.
Il lavoro in variante è di circa 42 km e si sviluppa a monte della linea storica e per l'85% in galleria. Sono previste due nuove stazioni, Fiumefreddo e Sant’Alessio Siculo-Santa Teresa di Riva oltre a quattro nuove fermate (Alcantara, Taormina, Nizza-Alì Terme, Itala-Scaletta).
normal_20181108_115528_6-1~0-fill-650x365.jpg_da39a3ee5e6b4b0d3255bfef95601890afd80709
Il primo lotto lungo 14 km prevede la realizzazione della nuova linea nel tratto compreso tra Fiumefreddo e l’interconnessione con Letojanni passando per la stazione di Taormina mentre il secondo lotto giungerà a fine tracciato, con il completamento dell’opera due anni dopo la fine del primo. L’impianto di Taormina dovrebbe diventare in questa seconda fase stazione di diramazione per Letojanni che assurgerà poi a stazione di testa.
La nuova fermata di Taormina si sviluppa in sotterraneo con due marciapiedi laterali lunghi 300 metri e sarà realizzata sotto il piazzale della Madonnina, in un tratto poi collegato con il parcheggio Lumbi tramite ascensori.
La Commissione Tecnica per la verifica dell’impatto ambientale Via e Vas ha espresso parere favorevole a patto che si rispettino ben 16 prescrizioni obbligatorie. Quella che maggiormente sta facendo discutere è il recupero storico della tratta Alcantara-Randazzo dismessa nel 2011 e nel 2017 inserita nell’elenco delle ferrovie “turistiche”. Il ministero prescrive che dovrà essere presentato il progetto di recupero delle infrastrutture.

Articolo di Ferrovie.Info del 27 Maggio 2020

https://www.ferrovie.info/index.php/it/13-treni-reali/14176-ferrovie-sicilia-via-libera-al-raddoppio-della-giampileri-fiumefreddo?fbclid=IwAR3rHanJ7FVepBsba9sUB3iZ-8YLv1Hlh5MpiSWCYxD5mvKxnkHg5Nu0S6M


Archivio storico articoli:
Report televisivo della RAI sull'Alcantara-Randazzo 04-02-2020.pdf
Il treno a vapore per la Fiera Mediterranea del Cavallo 2019.pdf
Treni storici in valle alcantara 2018.pdf
Articoli sulla nostra attività 2017-2018.pdf
Conferenza_stampa_Binari_della_cultura_2017.pdf

Atlante_RFI_ferrovie_dismesse.pdf
Approvato_testo_della_proposta_di_legge_sulle_ferrovie_turisitiche.pdf

Legge_ferrovie_turistiche_approvazione_camera_deputati.pdf

Incontro_con_il_Sindaco_di_Randazzo.pdf

Logo_solo_scrittura




PhD-Graduate-Forum
 
Site Map